• We love SPORT
cam

Determinare il reale impatto economico e sociale degli Enti di promozione sportiva (EPS) e confermarne il loro ruolo come costruttori di welfare. Questo l’obiettivo del primo Osservatorio permanente sulla promozione sportiva, costituito dagli Enti di promozione sportiva Acsi, Aics, Asi, Csen e Csi, che è stato presentato oggi alla Camera dei Deputati. Due sono i valori da cui prenderà il via l’analisi dell’Osservatorio: il numero dei tesserati degli EPS supera i 6,5 milioni pari al 59.5% degli 11 milioni di praticanti sportivi tesserati dal CONI e l’80% dell’attività sviluppata è rivolta a persone che alternativamente non praticherebbero attività motoria in modo continuativo.

A spiegare l’iniziativa, in rappresentanza degli Enti di Promozione Sportiva sono stati l’onorevole Bruno Molea, presidente Associazione Italiana Cultura Sport (Aics), e Vittorio Bosio presidente del Centro Sportivo Italiano (Csi). Al loro fianco erano presenti anche: Claudio Barbaro presidente Associazione Sportive e Sociali Italiane (Asi), Antonino Viti presidente Associazione di Cultura Sport e Tempo libero (Acsi), Francesco Proietti presidente Centro Sportivo Educativo Nazionale (Csen).

Il coordinamento scientifico del Centro studi sarà affidato a SG Plus Ghiretti & Partners che, nel percorso di ricerca, si avvarrà di partner importanti quale il Master Internazionale in Strategia e Pianificazione degli Eventi e degli Impianti Sportivi dell’Università di Parma, il Cers-Centro di ricerche sullo Sport dell’Università di Parma.

L’attività dell’Osservatorio sarà supportata dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci), come testimoniato dalla presenza, stamane, del suo vice presidente vicario, Roberto Pella.

La validità del percorso è stata riconosciuta anche dal CONI che ha messo a disposizione dell’Osservatorio i dati e la struttura del proprio Centro studi e osservatori statistici per lo sport