• We love SPORT
MTB copia

Si è concluso alla grande il Mondiale UCI di Mountain Bike specialità Marathon, svoltosi all’ombra delle Tre Cime di Lavaredo: a conquistare il titolo 2018 sono stati il brasiliano Henrique Avancini, uno degli “outsider” della competizione, e la danese Annika Langvad, che si conferma sulla lunga distanza dopo le cinque prove già vinte. Auronzo di Cadore (BL) ha ospitato dunque la sedicesima edizione dei Mondiali Marathon, la quarta in Italia, ed è stato un grande successo tra boom di pubblico presente e numerosi grandi atleti impegnati in gara.

Il 29enne Avancini, numero 38 nel ranking UCI, ha tagliato il traguardo dopo oltre 5h emozionanti che l’hanno visto sempre nel gruppo di testa. Sul podio anche l’austriaco Daniel Geismayr e il colombiano Hector Paez Leon, compagni di fuga di Avancini fin dal rifugio Auronzo a 2.318m di quota, esattamente dove il percorso rendeva omaggio alle Tre Cime di Lavaredo, Patrimonio dell’Umanità. I soli ad impensierire la leadership dei primi tre sono stati l’americano Howard Grotts, conquistatore del primo GPM sul Monte Agudo, e il campione europeo Alexey Medvedev, mentre la maglia iridata uscente, l’austriaco Alban Lakata, non è stato praticamente mai in gara. La Langvad, tra le favorite alla vigilia, si conferma tra le migliori atlete della specialità, lasciando l’argento alla compagna di squadra Christina Kollmann e il bronzo alla polacca Maja Wloszczovaska.

I migliori Azzurri sono stati Samuele Porro e Juri Ragnoli, giunti rispettivamente quinto e nono, che hanno lavorato in coppia per provare a tenere il passo forsennato dei primi ma senza grandi risultati. Tra le donne, l’italiana più in alto in classifica è Mara Fumagalli, anche lei quinta.

La competizione, targata 3Epic e organizzata dal team Pedali di Marca, dal Comune di Auronzo di Cadore e dal Consorzio Turistico Tre Cime Dolomiti, con il contributo della Regione Veneto, è stata anche una bellissima occasione per scoprire e valorizzare il territorio, con un percorso che ha attraversato il Cadore passando per località affascinanti come il Lago di Misurina, la Foresta di Somadida, Monte Piana e soprattutto le Tre Cime, ma valorizzando anche aree meno conosciute dal mondo delle due ruote.

Emozioni che continuano anche il giorno successivo, con la quarta edizione della 3Epic MTB Marathon nello stesso splendido scenario dolomitico.